06. La pagliuzza e la trave, perle e porci - Zona Pastorale Borgo Panigale e Lungo Reno | Arcidiocesi di Bologna

Vai ai contenuti

06. La pagliuzza e la trave, perle e porci

La zona pastorale > Ambito catechesi
Mt. 7

1 Non giudicate, per non essere giudicati;
2 perché col giudizio con cui giudicate sarete giudicati, e con la misura con la quale misurate sarete misurati.
3 Perché osservi la pagliuzza nell'occhio del tuo fratello, mentre non ti accorgi della trave che hai nel tuo occhio?
4 O come potrai dire al tuo fratello: permetti che tolga la pagliuzza dal tuo occhio, mentre nell'occhio tuo c'è la trave?
5 Ipocrita, togli prima la trave dal tuo occhio e poi ci vedrai bene per togliere la pagliuzza dall'occhio del tuo fratello.
6 Non date le cose sante ai cani e non gettate le vostre perle davanti ai porci, perché non le calpestino con le loro zampe e poi si voltino per sbranarvi.  
7 Chiedete e vi sarà dato; cercate e troverete; bussate e vi sarà aperto;
 
8 perché chiunque chiede riceve, e chi cerca trova e a chi bussa sarà aperto.
9 Chi tra di voi al figlio che gli chiede un pane darà una pietra?
10 O se gli chiede un pesce, darà una serpe?
11 Se voi dunque che siete cattivi sapete dare cose buone ai vostri figli, quanto più il Padre vostro che è nei cieli darà cose buone a quelli che gliele domandano!
12 Tutto quanto volete che gli uomini facciano a voi, anche voi fatelo a loro: questa infatti è la Legge ed i Profeti.
 
 

Schema semplice di lettura dei significati principali:
 
 
vv. 1-2 Assenza di giudizio = la carità è lo stile necessario, misericordia innanzi tutto
 
vv. 3-4 carità verso sé stessi = eliminare da noi l’idolatria
 
vv. 6 quindi la vera carità è l’annuncio di Cristo, ma si può scontrare con l’idolatria ancora presente nell’altro
 
vv. 7-11 la preghiera è il sostegno della carità, perché ciò che noi non sappiamo fare Dio lo può fare.
 
vv. 12 La regola d’oro (si ritorna ai vv. 1-2)
 
 
Analogie nella Sacra Scrittura che aiutano ad approfondire i significati principali
 
 
vv. 1-2 giudicare “lui padrone della forza giudica con mitezza” Sap 12, 18
 
v. 3 paglia “Coloro che commettono ingiustizia saranno come paglia” Mi 3, 19
 
v. 3 trave = “cose ritenute portanti” o “importanti” Bar 6, 19 I sacerdoti degli dei sono come travi del loro tempio ma non si accorgono che il tempio e anch’essi verranno divorati. L’idolatria maggior peccato.
 
v. 6 perle “la scienza vale più delle perle” Sap 8, 11 “la sapienza è più preziosa delle perle” Sap 3, 15 “la sapienza è un riflesso della luce perenne” Sap 7, 22
 
vv. 7-11 la forza della preghiera è insita nel rapporto tra Dio Padre e noi suoi “figli”. “Mi rivolsi al Signore e lo pregai” Sap 8, 21
 
v. 12 Tutta la Scrittura, ovvero tutta la “Legge di Dio” è contenuta nella relazione fraterna descritta dalla “regola d’oro”. “Lascerai cadere il tuo diritto nei confronti di tuo fratello”  Dt 15, 3 “perdi pure denaro per un tuo fratello” Sir 29, 10
Torna ai contenuti